"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Un taglio ai prezzi, non ai fiori d’arancio!

di Angela De Rubeis

Maggio e giugno sono tra i mesi preferiti dagli sposini per coronare il sogno d’amore. Spesso però il sogno s’infrange sul muro della dura realtà e a conti fatti il matrimonio più che il giorno più importante e bello della vita, può trasformarsi in un salasso. Come fare a portare a casa un “sì per la vita” dignitoso senza indebitarsi e facendo contenti i genitori che non riescono a concepire uno sposalizio senza festa?
I consigli si sprecano, quelli più banali e già percorsi passano per: il farsi le bomboniere da soli, ridurre all’osso i partecipanti, scegliere portate meno costose e risparmiare sul filmino di nozze ripiegando unicamente sull’album di foto. Ma il matrimonio 2.0 è tutt’altra cosa. Sposi e spose si servono di internet e e-bay e invece di passare i week end tra negozi e ristoranti si affaticano gli occhi davanti agli schermi dei computer a caccia dell’idea che li farà risparmiare il più possibile.
L’ultima frontiera del risparmio in tema di fiori d’arancio è il matrimonio sponsorizzato. La coppia di sposini apre un blog, un sito, dichiarando le marche dei prodotti e dei servizi dei quali si serviranno il giorno del loro matrimonio, magari con i link ai siti delle aziende. In questo modo una coppia che si aggira su internet a caccia di idee, imbattendosi in quello spazio virtuale fruirà dei messaggi pubblicitari. Dall’altra parte le aziende che fanno pubblicità pagano in servizi la visibilità. Ecco che il fotografo farà uno sconto, così come il ristorante o il negozio di confetti (mi raccomando di cioccolato che costano meno!) e bomboniere potranno sganciare qualche pezzo omaggio. Ogni matrimonio si trasforma in un negozio virtuale. Non sarà romanticissimo ma l’idea funziona e pare che sempre più coppie se ne servano.
Ci sono poi altre piccole idee che possono abbassare notevolmente le spese. Archiviate le bomboniere che come abbiamo visto possono esser fatte in casa, cominciamo con l’analizzare le maggiori voci di spesa: ristorante, abito bianco, fiori e addobbi, viaggio di nozze.
Il ristorante, si aggira (anche nei locali della nostra provincia) intorno ai 100-130 euro a persona. Naturalmente il prezzo cambia in base alle portate scelte. È stato evidenziato che è più conveniente scegliere un mese da “bassa stagione” per i matrimoni, come novembre o dicembre, e che fare una festa a cena piuttosto che a pranzo riduca la spesa. Il menù, infatti è tendenzialmente più leggero la sera. Inoltre pare che la cerimonia sia meno stancante per i neo sposi. Scegliere mesi morti ci pare una buona idea, ma in quanti sono disposti a correre il rischio di incappare in una giornata fredda, magari sotto un nevone?
E arriviamo all’abito bianco, croce e delizia di ogni donna che molto spesso deve rinunciare al vestito dei suoi sogni per stare dentro un budget. Il modo migliore per risparmiare è recarsi in un  outlet e provare con gli abiti della collezione dell’anno precedente. Non è un compromesso impossibile da raggiungere: gli stessi abiti si sarebbero trovati in un negozio se solo si fosse fatto il grande passo un anno prima! In realtà tutti sanno negli outlet ci vanno a finire le rimanenze dei negozi, ma non è detto che cercando non si trovi quello che si cerca. C’è poi chi l’abito lo affitta. A Rimini e dintorni non ci sono ancora negozi di questo tipo ma a Roma e Milano sì, e i prezzi partono da 89 euro.

Altra voce di costo importante è quella dei fiori e degli addobbi. L’idea potrebbe essere quella di usare delle piante (magari fiorite) piuttosto che dei fiori recisi. Ci sono dei vivai che le affittano. Il viaggio di nozze oramai è sempre più l”oggetto” unico della lista di nozze. Diciamo che è anche la voce alla quale gli sposini non vogliono rinunciare. Un consiglio principe è quello di farsi aiutare dagli amici, delegare “pezzi” di matrimonio, farsi fare le bomboniere, le partecipazioni (si può anche optare per gli sms e per delle mail animate a costo zero) e perché no, la torta! In barba ai wedding planner si può fare anche da soli, e passare indenni attraverso il giorno più bello della tua vita!

Forum chiuso.