"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

agosto: 2019
L M M G V S D
« Giu    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Senza crescita non c’è via d’uscita

Tutto facilmente prevedibile. Se non c’è crescita (e siamo a – 2,5% del pil rispetto al 2011, tasso di disoccupazione all’11% pari a 2,8 milioni di persone senza lavoro) e il debito pubblico continua ad aumentare (da quando c’è il governo Monti, nonostante le manovre, il debito è salito da 1.897 a 1.996 miliardi di euro) è inevitabile che sia il deficit che il debito totale rispetto al Pil non faranno che peggiorare. Non ci vogliono dei gran tecnici, basta […]

La Grecia e l’infausto rigorismo Merkel-germanico

In Grecia si sta giocando una partita importante, per i sui cittadini ma anche per il futuro dell’Europa. Di conseguenza per tutti noi. Perché se fino ad oggi, magari sorvolando su alcune questioni di stile e di redazione di qualche bilancio (ma bisognerebbe anche parlare delle omissioni di chi era chiamato a controllare e lo ha fatto male), ha prevalso comunque la scelta di INCLUDERE, cioè di portare dentro, da qui in avanti potrebbe iniziare la fase delle ESPULSIONI o […]

Il ciclo non si inverte per il lavoro

Scrive l’ultimo Rapporto 2010 sull’economia regionale di Unioncamere: “In un contesto nazionale di moderata ripresa, secondo le stime redatte nello scorso novembre, l’Emilia-Romagna dovrebbe chiudere il 2010 con un aumento reale del Pil dell’1,5 per cento, recuperando solo in minima parte sulle flessioni dell’1,5 e 5,9 per cento rilevate rispettivamente nel 2008 e 2009.

La fase più acuta della crisi dovrebbe essere ormai alle spalle. L’Emilia-Romagna è stata tra le regioni italiane che ha maggiormente risentito della recessione mondiale, a […]

Agenda 2011

Dalla crisi si sta timidamente uscendo. Ci sono segnali di risveglio dell’economia, nazionale e locale, ma il cammino per recuperare le perdite sarà ancora lungo. Secondo il Centro Studi di Confindustria non si tornerà al Prodotto interno lordo (Pil) del 2007, precedente la crisi, prima del 2013.

In termini di ricchezza prodotta per abitante siamo tornati ai livelli del 1998. In questa situazione soffrono le aziende, ma ancora di più chi è alla ricerca di un lavoro. Perché lo ha […]

Troppo “poveri” per essere vero

Che ne direste se qualcuno vi dicesse che in provincia di Rimini si vive con le stesse entrate di Cosenza, Siracusa o Benevento ? Sicuramente non ci credereste, e qualcuno magari potrebbe perfino offendersi per un simile paragone. Come, vuoi mettere Rimini, la spiaggia d’Europa, la Riviera della Notte Rosa, nello stesso calderone delle ultime città del Sud ? Non può essere. Infatti è difficile crederlo. Eppure al fisco risulta così.

Siamo una provincia che ogni anno produce […]

La crisi frena la ricchezza

Nel 2009 ogni residente della provincia di Rimini poteva contare su una ricchezza pro capite prodotta (calcolata cioè dividendo l’intera torta per il numero degli abitanti) di poco superiore a 31 mila euro, un quinto abbondante sopra la media nazionale, e nono valore in assoluto più alto tra le 107 province italiane, guidate da Milano con un Pil (la ricchezza prodotta in un anno) per abitante di 36 mila euro. In Emilia Romagna solo Bologna e Modena fanno meglio di […]

Conoscere la crisi…prima di pagare

Nella misura in cui tutti siamo chiamati a sanare la crisi in corso è utile avere una visione dei principali numeri che la caratterizzano. Senza dimenticare (il Governo) che una distribuzione equa dei sacrifici deve chiedere di più a chi ha maggiori ricchezze e redditi più alti, e magari in passato ha ricevuto qualche vantaggio (esenzione ICI, tassazione minima per i capitali depositati all’estero, ecc.), e meno a chi, per aver perso il lavoro, o per non trovarlo affatto, ha […]

L’Emilia Romagna in Italia e in Europa

Il 28 e 29 marzo prossimi tutti gli elettori dell’Emilia Romagna saranno chiamati ad eleggere il futuro Presidente (Governatore) ed il nuovo Consiglio regionale, che guideranno la Regione per i prossimi cinque anni. Una scelta impegnativa che richiede una attenta valutazione dei risultati aggiunti, quindi il posizionamento della Regione in Italia e in Europa, conseguenza delle scelte fatte, prima di considerare i nuovi programmi che verranno proposti.

In Italia, a parità di potere d’acquisto (ppa), un metodo che […]