"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Immigrati: tra invecchiamento della popolazione e partecipazione economica

Mentre dati recenti (Eurostat) ci ricordano che l’Italia, con il 6,5 per cento della popolazione che nel 2015 ha superato gli ottant’anni (poco meno di 4 milioni di persone, di cui quasi due terzi donne) è diventato il paese più “vecchio” d’Europa, e altri studi prevedono che nel 2050 nel vecchio continente mancheranno 64 milioni di persone in età da lavoro, col rischio che non ci sarà chi pagherà i contributi per le pensioni, apprendiamo (Istat) che i cittadini non […]

Senza immigrati settori importanti dell’economia si fermerebbero

C’è l’intraprendenza che porta a creare un’impresa, ma c’è anche il lavoro dipendente. Nel 2014, i cittadini stranieri avviati al lavoro in provincia di Rimini sono stati un po’ meno di 17 mila, di cui dieci mila di origine non comunitaria, rappresentando il 29 per cento di tutti gli avviati dell’anno (che sono stati 57 mila).

Dal 2010 la loro presenza si è stabilizzata, facendo registrare una leggera flessione nell’ultimo anno, ma rispetto al 2007, quando è iniziata la crisi, […]

Sorpresa: occupazione in crescita

Sembrerà strano, ma dopo tutti i dati negativi sull’occupazione che sono circolati, in provincia di Rimini la situazione del lavoro sembra migliore di quello che ci si sarebbe aspettato. Almeno stando alle indagini dell’Istituto nazionale di statistica (Istat) che rileva, nel 2011, un aumento di 3 mila occupati, tutti maschi, a parziale recupero di quelli persi negli anni precedenti.

Un risultato positivo per l’occupazione del territorio, condiviso da sette province dell’Emilia Romagna su nove, in linea col lieve miglioramento nazionale, […]

Primi consuntivi del lavoro nel 2011

Se le previsioni si fanno ad inizio anno, quando ci si avvicina alla fine cominciano i consuntivi, cioè i conti di quello che è veramente successo. Quelli che abbiamo non sono ancora definitivi, perché si fermano a settembre, ma delineano il possibile andamento dell’occupazione nel 2011.

Stando all’ultimo Bollettino del lavoro del Centro per l’impiego (CPI) della Provincia di Rimini, nel terzo trimestre dell’anno (luglio-settembre) c’è stato un leggero calo (meno di 500 unità) degli avviamenti (sono conteggiate […]

Il lavoro sempre più “intermittente”

A giudicare dagli avviamenti (si calcola come avviamento ogni assunzione, anche della stessa persona, indipendentemente dalla durata) al lavoro registrati nei primi sei mesi del 2011, rispetto allo stesso semestre del 2010 e resi noti dal Centro per l’impiego (CPI), sembrerebbe che l’occupazione in provincia di Rimini abbia ripreso a girare: 68.740 gli avviamenti nella prima parte di quest’anno, a fronte dei 63.294 dello stesso periodo dell’anno precedente, con una differenza in positivo di quasi il nove per cento. […]

Le frontiere del lavoro

L’ultimo Rapporto sull’economia della provincia di Rimini, edito dalla locale Camera di Commercio, dedica un capitolo al tema dell’occupazione e ci offre l’opportunità di fare il punto della situazione, a pochi mesi dall’inizio del nuovo anno. La crisi ha colpito forte, ma se per molte imprese, soprattutto le più dinamiche, innovative e internazionalizzate, sembra intravvedersi una via d’uscita, non è così per il lavoro. Era previsto, ma questo non rende meno grave la situazione.

In assoluto, gli occupati (incluso […]

Lavoro: la ripresa è piccola e precaria

L’ultima (di metà ottobre) indagine congiunturale di Confindustria Rimini segnala, nel primo semestre 2010 in rapporto allo stesso periodo dell’anno precedente, un miglioramento del fatturato delle aziende superiore al 6%, ed un risultato ancora migliore, più 9%, delle imprese con meno di cinquanta addetti.

Questi segnali positivi valgono anche per l’occupazione ? Sembrerebbe di no, almeno nelle imprese medio-grandi dove i posti di lavoro sono diminuiti tra il 3 e il 4%. In controtendenza solo le piccole imprese, le uniche […]