"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

Dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Rimini: ombre sul turismo

Il Veneto, che è la regione d’Italia più visitata dai turisti, italiani e stranieri, e la sesta per presenze in Europa (nel 2015 ha avuto 17,2 milioni di arrivi e 63,2 milioni di presenze, di cui solo la città di Venezia 34 milioni), nel 2015 ha fatto registrare un aumento del 6,1 per cento degli arrivi e del 2,2 per cento delle presenze.

In Emilia Romagna, dove i dati del turismo 2015 segnalano 8,7 milioni di arrivi e 46,1 milioni […]

RAPPORTO SULL’ECONOMIA DELLA PROVINCIA DI RIMINI 2012/2013

MERCATO DEL LAVORO

L’analisi sul mercato del lavoro viene realizzata con il contributo del “Centro Studi Politiche del lavoro e società locale” della Provincia di Rimini.

Di seguito si fornisce un primo dimensionamento dell’impatto che a livello locale ha avuto la recessione economica sul versante occupazionale, analizzando in particolare il ricorso agli ammortizzatori sociali, a partire dai dati del SILER (Sistema Informativo Lavoro Emilia-Romagna), integrati con quelli forniti dall’INPS.

Nel 2012, in provincia di Rimini, ci sono stati 63.538 avviati […]

Capodanno televisivo riminese: ottimo, se pubblico

Strano destino quello del capodanno televisivo targato Rai, tanto desiderato ed esaltato nelle dichiarazioni per le sue ricadute sull’immagine e l’economia turistica locale, quanto modesto nei numeri (almeno quelli ufficiali).

Gli albergatori vogliono il Capodanno Rai in Piazzale Fellini titolavano i giornali nell’ottobre 2010, quando ancora era in forse la celebrazione televisiva dell’evento. “Questa festa crea un indotto enorme…è ora di finirla con la demagogia” interveniva la Presidente dell’Associazione albergatori.

Oltre 600 (qualcuno dice 500) gli alberghi che ne […]

Non decolla il turismo in Collina

Dopo tanti annunci, che non hanno prodotto grandi risultati, finalmente sembrerebbe che il turismo dell’entroterra (escluso cioè i cinque comuni costieri) stia decollando alla grande: gli arrivi dai 41 mila del 2009 sono aumentati a 58 mila nel 2010, le presenze da 94 mila a 158 mila (che sono comunque una piccola frazione, appena l’1% del totale delle presenze provinciali). Ma il condizionale è d’obbligo perché bisogna considerare che nelle statistiche 2010 sono entrati i sette nuovi comuni dell’Alta Valmarecchia, […]

Turismo: l’entroterra ancora lontano

Se i buoni proposti avessero sempre un seguito il nostro entroterra, tra l’altro impreziosito dall’arrivo di sette nuovi Comuni dell’alta Valmarecchia, dovrebbe avere avuto uno dei più grossi boom turistici degli ultimi anni. Invece langue, con lo stesso numero di arrivi e con un calo delle presenze dell’8%, gli stranieri addirittura del 16%, nel 2009, a fronte di una situazione stazionaria sul versante balneare.

Nell’ottobre 2008 TRE intervistò, ospite di un Convegno a Santarcangelo, il prof. Jean Pierre Lozato-Giotart, dell’Università […]

La Polonia guarda meno alla Riviera…nonostante l’educational tour

Sulla scia di un aumento delle presenze dalla Polonia, comunque circoscritte ad un 3% circa del totale delle presenze estere in Riviera nella stagione 2008, il 24 aprile del 2009, le cronache locali davano conto di un educational tour (viaggio promozionale) di 30 operatori e giornalisti polacchi, promosso dall’Unione Prodotto di Costa, Provincia e Comune di Rimini, in una operazione di co-marketing (coordinamento della promozione), sicuramente animata dal proposito di migliorare ulteriormente i numeri ottenuti. Nella seconda parte della campagna […]

Il Capodanno in TV: quando il mezzo è anche il messaggio

Anche i Capodanni tornano

Dai giornali locali del 12 ottobre 2010 apprendiamo che gli albergatori vogliono il Capodanno Rai in piazzale Fellini. Anzi, lo pretendono “visto che ce lo paghiamo con la tassa sui passi carrai reintrodotta dal Comune e che gli frutta un milione di euro, proprio il costo dell’evento” scandisce Patrizia Rinaldis, presidente Aia. “Quella festa crea un indotto enorme, e non solo per la nostra categoria, sarebbe come dire basta al Festival di Sanremo” sbotta .

[…]