"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Stipendi: a Rimini i più bassi dell’Emilia Romagna

C’è un problema di occupazione (Rimini con l’11,1%  ha il tasso regionale di disoccupazione più alto, quindi quello di occupazione più basso),  poi ce n’é un secondo, non meno importante, che riguarda quanto  entra nella  busta paga di un/a  lavoratore/trice  del settore privato, escluso collaboratori e  partite Iva.

Secondo la  rilevazione  delle Retribuzioni annue lorde (Ral)  reali  2014 e 2015,  effettuata  dal sito  www.jobpricing.it ,  un  dipendente privato residente in  provincia di Rimini si porta a casa, in media, 27.580 euro lordi  l’anno,  che rappresenta lo stipendio regionale più basso  (29.894 euro la media regionale) e il 44mo  nella graduatoria nazionale (dove in testa c’è Milano con 34.508 euro).

Stipendio coerente con la produzione di ricchezza, misurata dal valore aggiunto pro capite, dove la provincia di Rimini,  con poco più di 25 mila euro, nel 2014, compare sempre in fondo alla graduatoria  dell’Emilia Romagna.

Due le possibili cause:  un apparato produttivo, nonostante lodevoli eccezioni, con grossi ritardi in investimenti e innovazione, che non favorisce l’assunzione di alti profili professionali;  un settore turistico che assume per periodi brevi e paga ricorrendo in forma sempre più massiccia ai voucher, modalità che dovrebbe essere utilizzata per lavori veramente occasionali, visto che un’ora di lavoro viene pagata 10 euro ma al lavoratore ne restano solo 7,5. Un importo con cui è difficile arrivare ad no stipendio annuale minimamente decente.

A ben guardare non è una novità, ma costituisce l’ennesimo segnale di una sistema produttivo locale da rivedere,  a partire dalla centralità che dovrebbe essere assegnata alla capacità di offrire  lavoro di qualità.

Forum chiuso.