"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Spinner: lo sportello delle nuove imprese

di Laura Carboni Prelati

Nonostante la crisi, esiste un’opportunità per chi vuole ancora scommettere su di sé, migliorare le proprie competenze, crescere e innovare, anche in una prospettiva internazionale. La nuova possibilità arriva dal programma Spinner che, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna con risorse del Fondo Sociale Europeo, può contare su una dotazione di oltre 4milioni di euro, assegnati tramite bandi. Quattro le azioni finanziabili: creazione di nuove imprese, progetti di ricerca e trasferimento tecnologico, percorsi di innovazione organizzativa e manageriale e,  novità, progetti di mobilità e collaborazione internazionale.

Al di là di questa nuova azione specifica, la dimensione europea riguarderà anche altre azioni che prevedono percorsi formativi e servizi di consulenza sulla progettazione europea.

Tutto il merito è del Progetto Spinner 2013 (il secondo della serie), approdato da qualche tempo anche a Rimini, con uno sportello dedicato in Piazza Cavour, presso l’URP.

Spinner 2013 è stato concepito anche per offrire un sistema integrato di agevolazioni finanziarie, opportunità e servizi alla persona, articolato in varie aree di attività. Abbiamo chiesto al Presidente del consorzio Dottor Paolo Bonaretti, dati e impressioni sull’attività dell’ultimo anno.

“Sono 14 i progetti per costituire nuove imprese, cui se ne aggiungono 12 di trasferimento tecnologico e 11 d’innovazione organizzativa per aziende esistenti. In totale quindi – precisa Bonaretti – 37 sono i progetti che riguardano l’innovazione sostenuti da Spinner 2013  a Rimini, dal 2008 al 23 aprile scorso (data di ultima rilevazione). Essi coinvolgono complessivamente 48 giovani laureati, 34 dei quali hanno usufruito anche di una borsa di ricerca. Per far ripartire l’Emilia Romagna – spiega Bonaretti – è necessario investire sulle risorse umane, sui talenti dei nostri giovani, sulle competenze dei professionisti e dei ricercatori. E’ da lì che può venire la marcia in più necessaria ad aprire nuove strade e opportunità di sviluppo, ed è proprio questa la direzione lungo la quale si muove il bando che, per la prima volta, per sostenere un’ulteriore qualificazione, promuoverà in modo mirato anche i percorsi di mobilità e collaborazione internazionale”.

Allo sportello Spinner Point di  Rimini in 6 mesi sono stati presentati e ammessi 2 progetti per la creazione di nuove imprese innovative (su un totale di 14, dal 2008), altri 3 progetti (su un totale di 12) per il trasferimento tecnologico e altri 2 (su un totale di 11) per l’innovazione organizzativa e manageriale.

Tutte le proposte hanno, in comune, l’utilizzo delle nuove tecnologie, in direzioni innovative o inedite. E’ il caso di AlmaSport, un’impresa nata con lo scopo di realizzare e sviluppare un sistema harware e software in grado di analizzare automaticamente, in tempo reale e con metodo scientifico, qualunque tipo di prestazione: atletica e tecnica, naturalmente, ma anche tattica e psicologia.

Passiamo ad un’altra idea d’impresa, sviluppata con successo a Rimini. E’ Saladino2 e, in comune con il celebre condottiero arabo, ha l’ambizione di rivoluzionare completamente l’approccio tra cliente ed esercente. Alla base del sistema sviluppato c’è un tavolo interattivo con interfaccia touch screen, che permette all’utente di sedersi ed effettuare ogni tipo di ordinazione senza bisogno di rivolgersi a camerieri o altro personale. Per ingannare l’attesa poi si può usufruire di giochi interattivi, notizie da quotidiani on line, disponibili prontamente da questo schermo diabolicamente innovativo.

Anche il design oltre la tecnica sono alla base del terzo progetto: Piramide 001. In questo caso i ristoratori sono i destinatari (o gli amanti della cucina) con un innovativo grill elettrico in grado di eliminare i grassi in eccesso; risultato? La possibilità di installare un barbecue in casa anche durante l’inverno, senza paura di venire soffocati dal fumo o dagli odori.

Con Network Solidale invece entrano in campo giovani idee riminesi per il sociale con un progetto per la gestione innovativa dei rapporti tra produttori e consumatori, nella direzione della “filiera corta”.

BOX 1

Sono tre le linee d’azione in cui i giovani residenti nella provincia di Rimini si potevano cimentare:

1° Azione -Creazione di nuove imprese innovative

Spinner 2013 stanzia risorse per persone interessate a sviluppare idee imprenditoriali innovative o ad alto contenuto di conoscenza. Ogni progetto potrà ottenere al massimo un contributo di 48mila euro, così composto: fino a un massimo di 39mila euro per borse di ricerca (valore massimo di ciascuna borsa: 1.300 euro/mese per dieci mesi), fino a un massimo di 21mila euro per incentivi economici e servizi di consulenza ad alta specializzazione.

Per questo progetto sono state accolte le domande presentate da 25 persone (21 uomini e 4 donne), di cui solo 5 avevano superato i 35 anni, mentre 12 avevano meno di 30 anni. Quattordici i progetti che sono stati presentati, 3 dei quali proposti da residenti in provincia di Rimini e sono i seguenti: Piramide 001, Network Solidale, Alma Sport.

Ogni progetto potrà ottenere un contributo massimo di 48.000 euro, così composto: fino ad un massimo di 39.000 euro per borse di ricerca (valore max di ciascuna borsa : 1.300 euro al mese fino ad 1 anno); fino ad un max di 21.000 euro per incentivi economici e servizi di consulenza ad alta specializzazione).

2° Azione – Progetti di ricerca industriale e trasferimento tecnologico

La seconda azione prevista dal bando sostiene chi vuole sviluppare progetti di ricerca industriale, sviluppo pre-competitivo o trasferimento tecnologico in imprese esistenti, sviluppandone il potenziale innovativo. Le agevolazioni consistono in borse di ricerca (1.300 euro/mese), percorsi per migliorare le competenze, servizi di alta consulenza fino a un valore massimo di 2mila euro, incentivi economici per corsi, partnership e collaborazioni sviluppate all’estero, fino a 3mila euro (4mila se con Paesi extraeuropei).

Per questa seconda linea di azione sono stati ammesse le domande di 12 giovani (5 uomini e 7 donne), 11 dei quali laureati, under 35.

3° Azione – Percorsi di innovazione organizzativa e manageriale

Si sostengono progetti di persone interessate a sviluppare percorsi di innovazione organizzativa, manageriale di prodotto o di processo in micro imprese e cooperative sociali. Gli aiuti potranno, anche in questo caso, essere articolati tra borse di ricerca (1.300 euro/mese fino ad un massimo di cinque mesi), servizi di tutoraggio dell’innovazione, percorsi di accompagnamento per l’accrescimento delle competenze, servizi di alta consulenza fino a 2mila euro, incentivi economici per corsi, partnership e collaborazioni sviluppate all’estero, fino a 3mila euro (4mila se con Paesi extraeuropei).

Per la terza linea d’azione sono stati presentati 11 progetti, da under 35, a favore di altrettante aziende. In questo caso solo uno dei beneficiari non aveva ancora raggiunto la laurea.

BOX 2

I nuovi “Percorsi di collaborazione internazionale”

Spinner mette a disposizione un’opportunità a favore di tutti coloro che, per accrescere le proprie competenze, vogliono attivare collaborazioni con Università o enti di ricerca esteri, nell’ambito di un progetto di ricerca industriale, con particolare attenzione ai temi del futuro programma europeo Horizon 2020. Le agevolazioni sono articolate in borse di ricerca (1.900 euro/mese per 6 mesi), incentivi economici per corsi, partnership e collaborazioni sviluppate all’estero, fino a 4.400 euro (4.800 se in Paesi extraeuropei), servizi di tutoraggio internazionale. Con quest’ultima opportunità si potrà ospitare in Emilia-Romagna un ricercatore proveniente da un Centro di ricerca internazionale che affiancherà il beneficiario Spinner nello sviluppo delle sue attività di ricerca.

 

Forum chiuso.