"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Rimini: indennità per senza lavoro

A fronte di una occupazione che negli ultimi anni ha perso qualche migliaio di lavoratori e lavoratrici, è quasi inevitabile  attendersi un aumento della disoccupazione.  L’Italia non si è ancora munita di un sostegno universale unico per chi resta senza lavoro, ma in compenso  ha una storia frastagliata di indennità.

In origine era l’indennità di disoccupazione,  poi è diventata Assicurazione sociale per l’impiego (Aspi), quindi Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi), che ha allineato la durata delle prestazioni all’anzianità contributiva del lavoratore (esempio: 3 mesi di disoccupazione per ogni 6 mesi di lavoro regolare).

Per gli stagionali, dall’indennità con requisiti ridottisi si è passati alla Mini Aspi, per approdare ultimamente  alla Naspi.

Indipendentemente dal nome è però un fatto che i beneficiari di una qualche indennità di disoccupazione sono saliti, in provincia di Rimini, da 18 mila circa del 2010 a quasi 26 mila nel 2015, con un aumento del 44 per cento. Divisi in classi d’età,  un quarto dei beneficiari ha meno di trent’anni, un quarto tra trenta e  quaranta, un successivo quarto tra quaranta e cinquanta, per finire con l’ultimo quarto dove tutti superano i cinquant’anni.  Come si vede, una distribuzione tra tutte le classi d’età che rappresenta un segnale inequivocabile di una malessere diffuso.

 

 

 

Forum chiuso.