"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

La scomparsa dei giovani

L’Italia è, in Europa, al quartultimo posto, appena sopra  Spagna, Cipro e Malta, per il tasso di fertilità delle donne: 1,3 figli di media, quando per  mantenere stabile la popolazione di qualsiasi paese ne occorrerebbero  2,1.   La media nell’Unione Europea, guidata dalla Francia con 1,9 nati per donna,  è 1,6. Un dato che giustifica l’aspettativa per una diminuzione, nei prossimi decenni, della popolazione del Vecchio Continente.  Le conseguenze non sono proprio indifferenti.

Perché questo vuol dire, stando alle previsioni ONU,  che tra il 2015 e il 2035 la popolazione in età lavorativa diminuirà in Europa di 49 milioni,  ammettendo un certo flusso migratorio, e di 65 milioni senza migrazioni: in termini relativi si tratta di un calo del 10,8 oppure del 14,2 per cento. Germania e Italia sono i paesi che soffriranno le maggiori perdite. E dove, di conseguenza, l’invecchiamento della popolazione procederà a ritmi spediti.

Un futuro già presente perché il numero di 449 mila bambini e bambine  nati in Italia nel 2018, meno della metà di quelli del 1965,  è stato il più basso dall’unità d’Italia ad oggi, compreso le due guerre.  Per la prima volta ci troviamo nella situazione in cui i nuovi nati, surclassati dai decessi (636 mila), sono perfino meno degli ottantenni.  Che non lavorano, ma percepiscono una pensione, che qualcuno deve pagare.

In questo scenario non si può sperare che a Rimini accadano cose troppo diverse.  Infatti è dagli anni ottanta del secolo scorso, con un lieve miglioramento nel primo decennio del nuovo, che il saldo naturale, la differenza tra nascite e decessi, volge al negativo. Tendenza che si sta aggravando negli ultimi anni (- 643 nel 2016 e – 996 nel 2017).

In realtà, se  in provincia c’è stato un aumento della popolazione (da 322 mila nel 2011 a 339 del 2018) il merito è quasi per intero dell’immigrazione, della differenza positiva tra chi è arrivato, da altre parti d’Italia e dall’estero, e chi è partito (saldo migratorio).

Perché, quando si parla di migrazione troppo spesso si dimentica che da Rimini si emigra anche, soprattutto i giovani, tanto che attualmente sono 24 mila i residenti in provincia iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero). In pratica, vive all’estero un intero paese come Santarcangelo di Romagna.

Con la crisi anche il saldo migratorio annuale però è crollato (da 7 mila del 2013 a circa 2 mila di oggi) e questo potrà avere conseguenze, perché  gli immigrati, essendo prevalentemente giovani, riforniscono il nostro mercato del lavoro di forze fresche.

Come il cambiamento demografico impatterà l’economia forse si è già intuito, ma questi ulteriori dati lo renderanno più esplicito.  Cominciamo dalla popolazione in età da lavoro (15-64 anni): rappresentava il 69 per cento del totale nel lontano 1961, sono scesi al 64 per cento nel 2018. Cinque punti in meno.

Un calo percentuale che al momento non è diventato assoluto perché nel frattempo la popolazione è aumentata e  le persone in età per lavorare sono salite da 134 a 216 mila (l’ultimo  dato contiene i nuovi comuni dell’Alta Valmarecchia che sono entrati nel 2010 e prima non c’erano). Numeri, soprattutto l’ultimo, che include anche gli immigrati. Senza sarebbero molto meno.

Parallellamente i giovani (0-14 anni) che nel 1961 rappresentavano il 23 per cento dei residenti, nel 2018 sono crollati al 13 per cento, indebolendo di molto la spinta alla ricambio generazionale. Ed anche qui, giova ricordarlo, la percentuale sarebbe ancora minore se non ci fossero i figli dei migranti residenti.

Come annunciato gli unici a crescere, grazie anche all’allungamento della vita media, un fatto sicuramente positivo, sono gli anziani ultrasessantacinquenni: rappresentavano il 9 per cento della popolazione nel 1961, sono arrivati al 23 per cento.  Quasi dieci punti sopra i giovani.

Il cambiamento demografico, anche in questo territorio, è innegabile. Meno chiare sono le risposte per gestirlo. Che richiederebbero politiche, pubbliche ma anche delle imprese, di sostegno alla maternità (asili e altri servizi), al lavoro delle donne, alla genitorialità ed in favore dell’autonomia dei giovani.   Seguite da servizi per gli anziani, che dovrebbero prevedere un uso più attivo di tanti di loro, che godendo di buona salute potrebbero  mettere a disposizione molte competenze acquisite durante la vita lavorativa.  Su questo resta molto da lavorare e inventare.

Forum chiuso.