"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Il reddito non cresce, il valore aggiunto nemmeno

Non passa quasi giorno senza che il governo nazionale e quelli  locali non dicano come stiamo recuperando e migliorando.  Depurato dalle enfasi eccessive è tutto vero: l’economia  ricomincia a muoversi, grazie soprattutto all’esportazione, e le occasioni di lavoro crescono, anche se più per i senior che per i giovani.

Esiste solo un problema: in genere si prende come riferimento l’anno prima, o poco più in la. Così si corre  il rischio che l’informazione, tagliata sul periodo breve, faccia apparire la realtà migliore di quella che appare  in un periodo più lungo.

Prendiamo come esempio il pil (la ricchezza prodotta)  nazionale: nel 2017 crescerà, se le previsioni saranno confermate, l’1,5 per cento sull’anno prima. Un buon risultato, ma rimane sempre il più basso dell’area euro.   In  Spagna, che ha sofferto la crisi più dell’Italia, nel 2017  il pil aumenterà del 3,1 per cento, che gli consentirà di tornare sopra i livelli di nove anni prima.

Ma  quello che il breve periodo non dice è che il pil dell’Italia è tuttora sei  punti percentuali sotto il livello pre-crisi (2007),  e che a questi  ritmi di recupero ci vorranno  altri dieci anni prima che la ricchezza reale delle persone torni ai valori di partenza. In pratica, per la ricchezza nazionale e degli italiani  è come se l’Italia fosse rimasta ferma per vent’anni.  Non vanno minimizzati i risultati  positivi, ma non va nemmeno taciuta  la storia da cui veniamo.

Cala il reddito imponibile

Ed è proprio in questo contesto che vanno letti i dati delle dichiarazioni dei redditi e del valore aggiunto prodotto in Emilia Romagna,  nel periodo 2008-2015 (ultimi dati disponibili).

I primi, il reddito imponibile medio dichiarato dai contribuenti delle province della Regione, mostrano una flessione generalizzata, più accentuata a Rimini (- 16 per cento), meno a Reggio Emilia (- 7 per cento), quando in Emilia Romagna la discesa media è stata del  9 per cento.  E’ successo una cosa molto semplice: i contribuenti si sono ritrovati meno soldi in tasca (perché hanno perso il lavoro, non lo hanno trovato, ecc.)  e le loro dichiarazioni Irpef  non hanno fatto altro che registrarlo.   Lo conferma anche la discesa, per lo stesso periodo, della spesa mensile delle famiglie emiliano romagnole.

…ed anche il valore aggiunto

Effettivamente, una ulteriore prova della  minore disponibilità di reddito  viene  dal corrispondente calo, sempre nel periodo 2008-2015,  del valore aggiunto per abitante in quasi tutte le province, ad eccezione di Parma e Rimini, dove è rimasto uguale, Bologna e Forlì-Cesena, dove  invece un po’ è cresciuto (+ 3 per cento).

In realtà, a livello regionale ed in alcune province come Parma, Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, nel periodo indicato il valore aggiunto totale è aumentato, ma non tanto da pareggiare il conto con l’aumento  della popolazione, che è cresciuta di più.

In altri termini  il reddito dichiarato è diminuito perché le economie delle province, con poche eccezioni,  non hanno ancora recuperato completamente le perdite causate dalla crisi.  Risultando  così evidente la differenza che corre tra  uno sguardo incentrato sul breve periodo, e quello che si osserva alzando lo sguardo un po’ più lontano.   La crisi non è ancora superata.

Una ultima osservazione, non meno importante: le tre province della Romagna sono quelle che dichiarano meno (circa 20 mila euro), ma producono anche meno valore aggiunto (intorno ai 25 mila euro). Una ragione ci dovrà pur essere, ma le politiche non sembrano accorgersene.

Forum chiuso.