Digital economy in Romagna. La via del commercio elettronico

di Domenico Chiericozzi

I dati a livello mondiale dicono che nel 2021 le vendite tramite e-commerce al dettaglio nel mondo sono state pari a circa 5,2 trilioni di dollari. Si prevede che questa cifra crescerà del 56% nei prossimi anni, raggiungendo circa 8,1 trilioni di dollari entro il 2026 (fonte: Statista). Il Commercio, che in Romagna è rappresentato dal 23% delle imprese a Rimini e Forlì-Cesena, rischia davvero di non sopravvivere alla crisi energetica? Oppure è possibile trovare una via d’uscita migliorando le quote di mercato e i fatturati? 

Non basta andare on line per vendere

Quando si parla di commercio elettronico si apre un mondo. Si dischiude una porta che ha a che fare con il digitale e che spesso, più che attirare, allontana i piccoli o piccolissimi imprenditori.

“Competere sul digitale è sempre più complesso e per avere qualche possibilità di emergere servono tantissime competenze – dichiara Filippo Bacciocchi, marketing manager di The Space, web agency sammarinese specializzata in e-commerce con un team di 25 persone -. Una cosa è certa. Nei prossimi anni non serviranno strategie digitali, sarà fondamentale averle e l’e-commerce perderà progressivamente la ‘e’ diventando, di fatto, una modalità integrata di vendita per qualunque settore merceologico”.

Da una ricerca condotta qualche tempo fa da Ervet Emilia Romagna su 219 imprese del commercio al  dettaglio presenti sul web, è emerso che oltre la metà vende on-line (52,1%) e che, per quanto riguarda il fatturato, oltre il 25% dichiarava di ricavarne più del 50% del fatturato aziendale e il 37,7% dal 10 al 50% del proprio fatturato. Numeri importanti in crescita costante che, in un momento particolare come quello attuale, possono fare la differenza sul livello dei fatturati di piccole, medie e grandi aziende.

E in Romagna? Le aziende di e-commerce in Romagna (Rimini e Forlì-Cesena) sono 490, in crescita del 7,5% rispetto al 2021 quando erano 456, il 5,2% sul totale di 8739 (dati al 30/09/2022. Fonte: Infocamere Stockview su elaborazione Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini).                                                                                               

“Ai nostri attuali e futuri dico sempre che se non stai crescendo stai morendo – prosegue Bacciocchi  -. È una provocazione forte, me ne rendo conto, ma è la verità. Gli errori che riscontriamo più frequentemente a chi si avvicina al commercio elettronico sono due. Da una parte si pensa che sia sufficiente andare online per vendere. Oppure che si possono risolvere i problemi di fatturato tramite i grandi marketplace come ad esempio Amazon e altri. Per noi che siamo costantemente sul campo possiamo dire che le cose stanno molto diversamente”.

Le esperienze dirette di Rimini Lambretta Centre e RiminiFarmacie.

Spessissimo dietro a progetti di e-commerce ottimizzati ci sono proprio i giovani, come in questi due casi.

“Il 90% del nostro fatturato oggi avviene online e all’estero, senza un e-commerce tutto questo sarebbe impossibile – racconta Roberta Florescu, digital marketer e responsabile marketing  di Rimini Lambretta Centre (vendica di ricambi, accessori e molto altro). Avere un e-commerce ben fatto e aggiornato è fondamentale tant’è che in questo periodo stiamo pianificando una serie di interventi per migliorare ulteriormente la piattaforma. Il team di The Space ci aiuta tantissimo, soprattutto per un nostro mercato di riferimento, l’Inghilterra”.

“Seguivo certe iniziative online sin da quando ero all’università – ricorda il Dott. Umberto Gasparini che appena laureato, è andato online con l’e-commerce vivafarmacia.it, società di RiminiFarmacie, composta al momento da Farmacia Gotti, Antica Farmacia al Lido e ProFood. Dopo un anno si è unita a me la collega Chiara Buffadini e insieme abbiamo creato un piccolo team ed è iniziata la crescita. A quel punto nel 2019 c’è stato l’intervento di The Space. Siamo estremamente soddisfatti, il canale digitale cresce di anno in anno, per cui stiamo valutando l’ingresso nel team di un’altra persona ancora”.

 “Il nostro focus è sempre legato al problem solving. Attraverso un’analisi andiamo concretamente a risolvere le difficoltà che incontra il nostro cliente, non abbiamo un metodo standard di lavoro ma totalmente personalizzato e spesso servono anche diversi test prima di trovare la strada giusta – precisa Niccolò Forcellini, CEO di The Space -. Ai clienti di Rimini Lambretta Centre, ad esempio, bastano pochi e semplici click per trovare il pezzo di ricambio che cercano. Velocizziamo il processo di acquisto per salire in sella il prima possibile. Con Vivifarmacia abbiamo lavorato sul miglioramento dell’esperienza di acquisto con interventi di ottimizzazione lato web design per abbattere le ultime indecisioni di acquisto online. Non è magia è una questione di web design”.