"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Guida eco-compatibile

Consigli per una guida ecocompatibile

Il contributo del settore dei trasporti al cambiamento climatico

L’Italia detiene il primato mondiale di auto private pro-capite (1.69 abitanti per auto) e ha più di 50 milioni di veicoli circolanti (inclusi i ciclomotori) che percorrono circa 13.000 km/anno (il 26% in più della media UE). A fronte di un valore medio europeo pari a 466 auto per 1.000 abitanti, la densità di auto rispetto alla popolazione residente in Italia sale a 597, ponendoci al secondo posto dopo il Lussemburgo.

Le emissioni del settore (esclusi i trasporti internazionali) sono aumentate del 25,2% nel periodo 1990- 2006. Nel 2007 il trasporto su strada ha rappresentato il 28.7% del totale delle emissioni di gas–serra a livello nazionale e le autovetture hanno contribuito per circa il 60% a tale valore.

LE CONDIZIONI DEL VEICOLO

Premesso che negli autoveicoli le emissioni maggiori si hanno a velocità basse e alte, mentre quelle minori a velocità comprese tra 70 e 100 Km/h:

1. Curare la manutenzione del veicolo eseguendo i controlli e le registrazioni previste dalla casa costruttrice. In particolare, cambiare l’olio al momento giusto e smaltirlo correttamente.

2. Controllare periodicamente la pressione di gonfiaggio quando gli pneumatici sono freddi, almeno una volta al mese e prima di lunghi percorsi. Pressioni di esercizio troppo basse aumentano significativamente i consumi di carburante in quanto diventa maggiore la resistenza al rotolamento. In tali condizioni, inoltre, lo pneumatico è soggetto ad un’usura più rapida e ad un deterioramento delle prestazioni.

3. Variazioni delle dimensioni degli pneumatici, possono alterare le prestazioni originali.

4. Utilizzare gli pneumatici invernali solo nelle stagioni in cui le condizioni climatiche li rendono necessari in quanto essi causano un incremento dei consumi di carburante oltre che del rumore di rotolamento.

5. Non viaggiare in condizioni di carico gravose: il peso del veicolo ed il suo assetto influenzano fortemente i consumi e la stabilità del veicolo. Ricordare che è vietato superare la massa massima complessiva del veicolo indicata sul libretto di circolazione (veicolo sovraccarico).

6. Togliere portapacchi o portasci dal tetto al termine del loro utilizzo. Questi accessori, infatti, come altre modifiche della carrozzeria quali spoiler o deflettori, peggiorano l’aerodinamica del veicolo influendo negativamente sui consumi di carburante.

7. Evitare di viaggiare con i finestrini aperti in quanto ciò determina un effetto negativo sull’aerodinamica del veicolo e, conseguentemente, sui consumi di carburante.

8. Utilizzare i dispositivi elettrici solo per il tempo necessario. Il lunotto termico del veicolo, i proiettori supplementari, i tergicristalli, la ventola dell’impianto di riscaldamento, assorbono una notevole quantità di corrente, provocando di conseguenza un aumento del consumo di carburante.

9. L’utilizzo del climatizzatore incrementa sensibilmente i consumi, anche del 25% in certe condizioni. Pertanto, quando la temperatura esterna lo consente, evitarne l’uso ed utilizzare preferibilmente gli aeratori.

Per scoprire quanto è ecologica la tua auto, e fare confronti, puoi andare su: www.leaseplan.it quindi cliccare nella colonna Highlights “La tua auto è veramente ecologica? Scopri se la tua auto è veramente ecologica con GreenCheck”.

In www.viviconstile.org, cliccando su Mobilità > Adulti > quale auto scegliere, quindi nella sezione EcoTopTen, potete invece trovare la lista delle prime dieci auto ecologiche ed altre informazioni (in “cerca la tua auto” puoi avere informazioni sulle auto di tutte le marche).

LE 10 REGOLE PER UNA GUIDA ECO-COMPATIBILE

Una guida intelligente ed una corretta manutenzione dell’autovettura consentono di ridurre i consumi e le emissioni di CO2 del 10-15% migliorando anche la sicurezza sulla strada.
In sintesi, di seguito si riportano alcune indicazioni utili per ridurre i consumi di combustibile, le emissioni di CO2 e migliorare la sicurezza sulla strada.

  1. Accelerare gradualmente.

  2. Inserire al più presto la marcia superiore.

  3. Mantenere una velocità moderata e il più possibile uniforme.

  4. Guidare in modo attento e morbido evitando brusche frenate e cambi di marcia inutili.

  5. Decelerare gradualmente rilasciando il pedale dell’acceleratore e tenendo la marcia innestata.

  6. Spegnere il motore quando si può, ma solo a veicolo fermo.

  7. Mantenere la pressione di gonfiaggio degli pneumatici entro i valori raccomandati.

  8. Rimuovere porta-sci o portapacchi subito dopo l’uso e trasportare nel bagagliaio solo gli oggetti indispensabili mantenendo il veicolo, per quanto possibile, nel proprio stato originale.

  9. Utilizzare i dispositivi elettrici solo per il tempo necessario.

  10. Limitare l’uso del climatizzatore.

LO STILE DI GUIDA

1. Dopo l’avviamento del motore è consigliabile partire subito e lentamente, evitando di portare il motore a regimi di rotazione elevati. Non far riscaldare il motore a veicolo fermo perché aumenterebbero consumi, emissioni ed usura degli organi meccanici.

2. Evitare manovre inutili quali colpi di acceleratore quando si è fermi al semaforo o prima di spegnere il motore. Questo tipo di manovre, infatti, provoca un aumento dei consumi e dell’inquinamento.

3. Spegnere il motore in caso di sosta o di fermata.

4. Selezione delle marce: passare il più presto possibile alla marcia più alta (compatibilmente alla regolarità di funzionamento del motore ed alle condizioni di traffico) senza spingere il motore ad elevati regimi sui rapporti intermedi. Utilizzare marce basse ad elevati regimi per ottenere accelerazioni brillanti comporta un sensibile aumento dei consumi, delle emissioni inquinanti e dell’usura del motore.

5. Velocità del veicolo: il consumo di carburante aumenta esponenzialmente all’aumentare della velocità. Si rende, pertanto, necessario mantenere una velocità moderata e il più possibile uniforme, evitando frenate e riprese superflue che provocano un incremento del consumo di carburante e delle emissioni. Il mantenimento di un’adeguata distanza di sicurezza dal veicolo che precede favorisce un’andatura regolare.

6. Accelerazione: accelerare bruscamente incrementa notevolmente i consumi e le emissioni. Si consiglia, pertanto, qualora le condizioni di marcia lo consentano, di accelerare con gradualità.

7. Decelerazione: decelerare, preferibilmente, rilasciando il pedale dell’acceleratore e tenendo la marcia innestata, facendo attenzione ad evitare il fuori giri per non danneggiare il motore (in questa modalità il motore non consuma combustibile, se dotato del dispositivo “cut-off”).

(Fonte: Ministero dell’ambiente.)