"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

maggio: 2019
L M M G V S D
« Apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Lavoriamo per il capo

di Alessandro Notarnicola

“Lavoriamo per il capo”. Erano soliti rispondere con questa formula gli operai interrogati dai carabinieri che, nel corso di un’indagine portata avanti negli ultimi mesi del 2018, lo scorso ottobre hanno denunciato un ennesimo caso di caporalato nel territorio della provincia di Forlì-Cesena. Un’operazione che ha portato all’arresto di 2 imprenditori di origine magrebina, titolari di un’impresa cooperativa di intermediazione del lavoro, con l’accusa di sfruttamento del lavoro e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ma non è la prima […]

Gli immigrati che pagano la pensione di tanti italiani

L’immigrazione è il terzo argomento di preoccupazione degli emiliano romagnoli, dopo criminalità e disoccupazione, secondo l’ultimo Eurobarometro Flash realizzato per conto della Commissione europea lo scorso autunno, ed analizzato da Infodata del Sole 24 Ore. Preoccupazione, per gli immigrati, che sale però al primo posto in Lombardia e Veneto, mentre in Sicilia, dove sbarcano, al primo posto c’è, e di gran lunga, la disoccupazione, e solo molto lontano l’argomento migranti.

A dimostrazione che non è la presunta concorrenza del lavoro […]

SCM: la nuova fabbrica digitale

Chi, pensando al lavoro in fabbrica, avesse in mente le vecchie tute blu, unte e sporche, dannazione delle mogli che dovevano lavarle, dovrà cambiare opinione (molti genitori farebbero bene ad avvertire i loro figli), perché una linea di produzione moderna è tutt’altro. Si dirà che non è così dappertutto, ed è vero, ma le maggiori aziende viaggiano su altri livelli.

Prendiamo il caso SCM, la storica azienda riminese, leader mondiale nelle tecnologie per la lavorazione di una vasta gamma di […]

Romagna: dove l’innovazione scorre lenta

Da diversi numeri andiamo scrivendo che la Romagna genera meno ricchezza dell’Emilia. Quindi può distribuire, sotto forma di salari e future pensioni, importi minori.

La ricchezza si produce con le imprese, che per fortuna non mancano, ma non basta. Infatti, perché una impresa produca molto valore non basta il capannone, ci vogliono investimenti, innovazione e ricerca. Gli unici modi per produrre beni e servizi di eccellenza, cioè di valore e competitivi.

Ed è qui che la Romagna (le sue tre […]