"Chi non spera l’insperabile non lo scoprirà, poiché è chiuso alla ricerca, e a esso non porta nessuna strada"
ERACLITO (535-470 a.C)

giugno: 2015
L M M G V S D
« Mag   Lug »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Guida galattica per l’auto costruzione, senza auto distruggersi

di Andrea Zanzini

Si sa, ristrutturare casa non è una passeggiata, a dire il vero in molti casi è un bagno di sangue, si sa quando e come s’incomincia e non si sa come e quando si finisce.

Ma la ‘casa’ rimane comunque il nostro primo modello di relazione con il mondo che ci circonda, abitare in una casa che riflette i nostri desideri e bisogni è un modo per incominciare ad essere felici. Non può essere facile, ma è […]

Gussing: buona pratica di sviluppo locale

Bisogna avere visione del futuro, che è una questione culturale non tecnica, ed essere disponibili anche a qualche ilarità per aprire nuove strade, che poi, se andrà bene, verranno immancabilmente lodate da tutti. E’ quello che è capitato all’ex sindaco Herr Krammer della piccola città austriaca di Güssing, poco più di quattro mila abitanti, nella regione meridionale di Burgenland (con i suoi trecento mila abitanti scarsi la più povera dell’Austria), situata ai confini con l’Ungheria, che sul finire degli anni […]

La questione casa e gli immigrati

Si converrà che avere un tetto sopra la testa non dovrebbe dipendere dalla nazionalità, ma dalla necessità. Tanto più se la propria presenza è legale e si pagano regolarmente le tasse. Il diritto ad avere un alloggio dignitoso non è minore se si è immigrati e si contribuisce, facendo impresa o prestando la proprio manodopera, allo sviluppo del territorio in cui si vive. Senza dimenticare che in provincia di Rimini non sono le abitazioni a mancare (ce ne sono 32 […]

Le rimesse degli immigrati

Come in passato lo è stato per l’Italia, quando le rimesse dei nostri migranti (dalla Svizzera, Germania, America, ecc.) servivano a bilanciare i conti con l’estero, lo stesso avviene oggi con i nuovi migrati, che dal sud del mondo cercano fortuna al nord, nei paesi più sviluppati.

Dalla provincia di Rimini, nel 2014, gli immigrati presenti hanno inviato a casa circa 33 milioni di euro (5,3 miliardi di euro dall’Italia), due in meno dell’anno prima, a testimonianza che la crisi […]

Senza immigrati settori importanti dell’economia si fermerebbero

C’è l’intraprendenza che porta a creare un’impresa, ma c’è anche il lavoro dipendente. Nel 2014, i cittadini stranieri avviati al lavoro in provincia di Rimini sono stati un po’ meno di 17 mila, di cui dieci mila di origine non comunitaria, rappresentando il 29 per cento di tutti gli avviati dell’anno (che sono stati 57 mila).

Dal 2010 la loro presenza si è stabilizzata, facendo registrare una leggera flessione nell’ultimo anno, ma rispetto al 2007, quando è iniziata la crisi, […]

Le imprese degli immigrati: una su dieci

Ricordando che gli immigrati regolarmente residenti in Italia producono il nove per cento della ricchezza nazionale (pil), equivalente a circa 123 miliardi di euro, di cui 14,8 miliardi prodotto in Emilia Romagna, a tamponare la perdita delle imprese locali ci pensano anche loro.

Però è indubbio che la crisi è sentita anche dagli immigrati, perché se le opportunità si ristringono, questo vale per tutti. Così, se fino al 2013 le imprese a guida straniera in provincia di Rimini sono continuate […]

Intervista ad Equitalia sulla crisi delle imprese

Sollecitati dalle imprese e da consulenti che li assistono in questo difficile momento abbiamo rivolto all’Ufficio Relazioni Esterne di Equitalia di Firenze, competente per Rimini.

Cosa succede se un’impresa chiude e lascia imposte da pagare? Se un’azienda è stata sottoposta a procedura fallimentare Equitalia, al pari di tutti gli altri creditori del soggetto fallito, presenta una domanda di insinuazione al passivo per recuperare le imposte iscritte a ruolo che non risultano pagate (l’iscrizione a ruolo è effettuata dagli enti creditori […]

Il fisco e le imprese in tempo di crisi persistente

Dal 2011 a fine 2014, in provincia di Rimini hanno chiuso i battenti circa mille e cinquecento aziende (mille solo l’ultimo anno). Molte delle costruzioni e del manifatturiero, ma anche del trasporto e dei servizi di alloggio e ristorazione (turismo). Un calo così vistoso non capitava da molti anni.

Dal 2011 al 2013 (non sono ancora noti i dati 2014), sempre in provincia di Rimini, i fallimenti di aziende sono stati 254 e i protesti (assegni bancari, cambiali e tratte) […]